login newsletter
Menu Primario
Menu Secondario

Pubblicato da il 19 Dic 2014 in Le Idee | 1 commento

Alvin Rabushka scrive di noi

alvin-con-giornalistiSono passati pochi giorni dal grande convegno “FISCO: ALIQUOTA UNICA SI PUÒ” che ci ha visto protagonisti, insieme alla Lega Nord, della presentazione del progetto di tassazione ad aliquota unica al 15%. Un progetto fiscale che, nel desolato scenario politico odierno, è l’unico in grado di ridare energia e vigore alla nostra economia moribonda.

A pochi giorni dall’importante evento, riceviamo e divulghiamo con piacere l’articolo di resoconto scritto da Alvin Rabushka sul proprio blog. Una cronistoria sintetica ma dettagliata, che ripercorre i primi contatti tra Armando Siri e il Professore e che non manca di attribuire al PIN il grande merito di aver portato il tema della flat-tax sotto i riflettori del palcoscenico politico italiano e, di conseguenza, all’attenzione del grande pubblico. Un grande onore per noi, dal momento che il tema della tassazione ad aliquota unica 15% ha tutte le carte in regola per diventare il collante del programma fiscale del centro-destra per il prossimo futuro.

A scanso di equivoci ribadiamo che, pur collaborando attualmente con soggetti politici appartenenti al centro-destra, il Pin mantiene la sua identità e continua a non riconoscersi all’interno delle categorie destra-sinistra, in quanto non è fondato su ideologie, ma su elementi di buon senso.

L’esempio più lampante è proprio costituito dalla flat-tax: non si tratta di un fisco “per ricchi” (come sostiene chi è poco informato), ma, al contrario, di un fisco pensato per agevolare tutti, SOPRATTUTTO le fasce di reddito più basse, e per favorire l’emersione di nuovo gettito proprio grazie a una pressione fiscale molto più leggera e sostenibile.

Un’altra riprova della genetica differente del PIN è data dal nostro obiettivo, che non è solo politico, ma anche culturale: il nostro scopo non è solo quello di concretizzare la flat tax, ma soprattutto quello di accendere interesse per queste tematiche nel Cuore dei cittadini, al fine di creare una nuova cultura libera da ideologismi e faziosità di sorta, che possa sostituire il culto del credere con la saggezza del conoscere.

1 Commento

  1. Proviamoci! A questo punto che abbiamo da perdere? Se non si realizza un provvedimento shock il declino è ormai inevitabile.