login newsletter
Menu Primario
Menu Secondario

Blog

Armando Siri presenta la sua lista per Milano

Pubblicato da il 6 Apr 2011 in Le Idee | Commenti disabilitati su Armando Siri presenta la sua lista per Milano

Armando Siri presenta la sua lista per Milano

Anche per il PIN è arrivato il momento di farsi conoscere. Si, perchè in Via Tommaso Grossi,  1 a Milano, Armando Siri presenterà la sua lista dicandidati al Consiglio Comunale di Milano e parlerà del suo programma in quanto Candidato Sindaco per il Comune di Milano. Armando Siri in una rencente intervista dice:  “Milano è una città che mi ha dato moltissimo, dove ho potuto realizzare i miei sogni e le mie aspirazioni,  –  spiega Armando Siri –  vorrei vederla per quello che realmente dovrebbe essere, una città d’avanguardia capace di far arrivare la propria intuizione del futuro a tutto il Paese”  Ecco che in questa occasione si avrà modo di conoscere il programma per migliorare la nostra Milano. Vi aspettiamo...

altro

Cosa cambia per te Cittadino

Pubblicato da il 4 Apr 2011 in Le Idee | Commenti disabilitati su Cosa cambia per te Cittadino

Cosa cambia per te Cittadino

Il cittadino oggi è visto dallo Stato come un numero, da controllare, dirigere, uniformare; come un dato statistico da avvicinare il più possibile alla media e non come singolo individuo con propri desideri e proprie potenzialità. Chi guadagna di più o chi è più onesto paga di più, ricevendo tuttavia un servizio medio e uguale a tutti gli altri, troppo spesso scarso.  Lo Stato è invadente ed estende la sua mano sulla sfera della libertà individuale. Con il nuovo sistema lo Stato diventa più leggero, senza regalie e sprechi, con un patto di responsabilità chiaro con i cittadini, occupandosi di poche funzioni essenziali ma in modo più efficace ed efficiente ( istruzione, sanità, sicurezza e difesa, giustizia, infrastrutture e trasporti ). “Ho pensato a tutto quello che non mi piace – spiega Siri – e per evitare di fare la fine del Grillo Parlante di Pinocchio ho aggiunto tutto quello che mi piace. Io non sono più disposto ad accettare uno Stato con una Costituzione che ci considera tutti uguali, perchè è un falso. Siamo tutti diversi, l’unico uguale per tutti è proprio lo Stato che, come la strega di Hansel e Gretel, ci mette sulla bilancia per vedere quanto pesiamo e si nutre della nostra vita e della nostra energia pur di...

altro

Armando Siri – la rivoluzione inizia a Milano

Pubblicato da il 15 Mar 2011 in Dicono del PIN, Le Idee | Commenti disabilitati su Armando Siri – la rivoluzione inizia a Milano

Armando Siri – la rivoluzione inizia a Milano

Milano – “Non è detto che una cosa che funzionava 15 anni fa possa funzionare allo stesso modo anche oggi”. A parlare è Silvio Berlusconi, con un chiaro riferimento allo Stato italiano e alla sua evidente involuzione non solo politica ma anche finanziaria e sociale. Un discorso che non vale solo per l’Italia ma può riferirsi a tutta l’Europa, a tutto il mondo occidentale: a sostenerlo con forza è Armando Siri, già giornalista del TG5 (dove ha lavorato per sette anni) e ora fondatore del Partito Italia Nuova (PIN – Tu sei la chiave), che lo vede candidato alle prossime elezioni comunali di Milano, pronto a sfidare i giganti del settore come Letizia Moratti e Giuliano Pisapia. L’Italia va cambiata in tempo, non si può più prescindere dal cambiamento: una tesi importante ma che, assicura, “ognuno sente dentro di sé”, compreso Silvio Berlusconi, protagonista di un dialogo immaginario proprio con Armando Siri nel libro L’Italia Nuova. Un saggio politico, un testo sociologico, un manifesto per un nuovo umanesimo in cui l’individuo riprende piena consapevolezza del sé, delle sue possibilità e della sua libertà ora negata. Negata dalla burocrazia, negata dagli orpelli di una democrazia borghese che “ha fallito come modello”, negata da uno Stato tanto opprimente quanto assente, negata da una Costituzione figlia di “un compromesso ideologico anacronistico rispetto al tempo in cui viviamo”. “Ho pensato a tutto quello che non mi piace – spiega l’autore – e per evitare di fare la fine del Grillo Parlante di Pinocchio ho aggiunto tutto quello che mi piace. Io non sono più disposto ad accettare uno Stato con una Costituzione che ci considera tutti uguali, perché è un falso. Siamo tutti diversi, l’unico uguale per tutti è proprio lo Stato che, come la strega di Pollicino, ci mette sulla bilancia per vedere quanto pesiamo, e si nutre della nostra vita e della nostra energia pur di sopravvivere”. Uno Stato parassita? Sembra un’esagerazione ma tale definizione rispecchia in realtà un sentimento comune a molti. I calcoli sono precisi ed efficaci: se tutti pagassimo le tasse, calmierate in 3mila euro per ogni cittadino, si raggiungerebbe la quota minima per la sussistenza economica del Bel Paese, 180 miliardi di euro. “Io voglio cambiare la prospettiva – continua Siri – Non dovrà più essere il cittadino a rendere conto allo Stato ma lo Stato a rendere conto al cittadino”. Impossibile non paragonare tale concetto al liberismo che ha caratterizzato il successo americano del secolo scorso: “La Costituzione americana è vera, la Costituzione italiana è astratta. Ogni articolo contraddice il precedente. La nostra Carta Costituzionale è buona solo nelle parate, non esiste in realtà”. La scommessa è proprio questa, prendere per mano il Paese per rendere ogni individuo realmente consapevole delle proprie capacità, perché la società moderna più recente simboleggia il fallimento, e solo l’uomo in grado di guardare oltre, di comprendere il suo futuro, può partecipare attivamente all’evoluzione di questa situazione ormai stagnante. Evoluzione ma rivoluzione, perché i tempi sono sempre più stretti, e Paesi come Cina, India o Brasile non stanno certo fermi a guardare. L’Italia Nuova tratta proprio di questo nel lungo confronto tra Armando Siri, l’idealista che non si arrende, e Silvio Berlusconi, l’idealista che si è arreso, nonostante sia stato l’ultimo ad aver osato dire “qualcosa di nuovo quando ha fondato Forza Italia nel 1994”. Sguardo dritto al futuro...

altro

Cosa Cambia a Milano

Pubblicato da il 18 Feb 2011 in Le Idee | Commenti disabilitati su Cosa Cambia a Milano

Cosa Cambia a Milano

IL PROGRAMMA PER MILANO 1. Introduzione del bollino per la Sosta a Milano a 150 Euro l’anno. L’adesivo sull’auto darà diritto a parcheggiare in tutti gli spazi disponibili senza incorrere nella sanzione per divieto di sosta (escluso i casi di intralcio o pericolo). Il bollino è acquistabile da residenti e non residenti. La nuova norma prevede l’abolizione dell’ECOPASS. Il ricavato extra gettito (75 milioni di Euro annui) verrà utilizzato per la realizzazione di nuovi parcheggi e il ripristino di tutto il manto stradale cittadino con asfalto “fotocatalitico” in grado di assorbire fino al 50% degli agenti inquinanti emessi dalle Auto e già utilizzato in Metropoli come Londra, San Francisco, Shangai. 2. Liberalizzazione degli orari di apertura di tutti gli esercizi pubblici, facoltativa, 24h su 24h, trasporti pubblici attivi 24h su 24h tutti i giorni e uffici pubblici di competenza comunale per il servizio al cittadino aperti anche sabato e domenica dalle 10.00 alle 18.00 3. Accesso a Internet con connessione Wi-Fi in tutto il comune di Milano. Utilizzo gratuito per i residenti. 4. Introduzione di un contributo di 3 euro per ogni pernottamento negli alberghi del territorio del comune di Milano. Il ricavato sarà destinato alla pulizia e alla sicurezza della città e dei parchi pubblici. IL PROGRAMMA NAZIONALE PER TE CITTADINO Il cittadino oggi è visto dallo Stato come un numero, da controllare, dirigere, uniformare; come un dato statistico da avvicinare il più possibile alla media e non come singolo individuo con propri desideri e proprie potenzialità. Chi guadagna di più o chi è più onesto paga di più, ricevendo tuttavia un servizio medio e uguale a tutti gli altri e di conseguenza scarso. Lo Stato è invadente ed estende la sua mano sulla sfera della libertà individuale. Con il nuovo sistema lo Stato diventa più leggero, senza regalie e sprechi, con un patto chiaro e reciproco di responsabilità, occupandosi di poche funzioni essenziali ma in modo più efficace ed efficiente ( istruzione, sanità, sicurezza e difesa, giustizia, infrastrutture e trasporti ). Ogni cittadino pagherà il proprio contributo, fisso, per i servizi forniti dallo Stato, così come paga il pedaggio autostradale per percorrerla, a prescindere dal suo reddito. Viene favorita la libertà del singolo individuo di esprimersi e di promuovere tutto ciò che sia utile allo sviluppo della conoscenza, del progresso e della realizzazione dei propri desideri. L’alleggerimento istituzionale dell’apparato statale e della rappresentanza genererà un risparmio di oltre 50 miliardi di Euro favorendo così un veloce riassorbimento del debito pubblico. PER TE DIPENDENTE Con il sistema attuale se il tuo stipendio netto è di 1.200 Euro, quello lordo è di circa 1.700 Euro. Imposte e parte dei contributi sono PAGATI alla fonte, ovvero 500 Euro che il datore di lavoro trattiene dalla busta paga. Con il nuovo sistema TU incassi direttamente 1.700 Euro al mese e dovrai fare solo un versamento annuo allo Stato di Euro 3.000 ed il resto dei soldi te li tieni. La flessibilità derivante dal nuovo sistema ed una minore imposizione fiscale sulle aziende favorirà il mercato del lavoro facendo scendere la disoccupazione. I pochi che saranno comunque in una condizione svantaggiata avranno in ogni caso il supporto minimo di servizi essenziali, e potranno anche contare sull’iniziativa volontaria di solidarietà che crescererà grazie al maggior benessere diffuso. PER TE AZIENDA Oggi l’imposizione fiscale per un’azienda è di circa il 51% dei redditi. Con il nuovo sistema tutte...

altro

Il punto di vista del PIN

Pubblicato da il 9 Feb 2011 in Le Idee | Commenti disabilitati su Il punto di vista del PIN

Il punto di vista del PIN

Tutto ciò che noi chiamiamo Stato (participio passato del verbo ESSERE) si alimenta del nostro PASSATO (ciò che è STATO) non ciò che E’ ADESSO NEL PRESENTE. Lo Stato come entità a SE’ esiste perché ciascun NOI lo fa Esistere. Nonostante molti non siano CONTENTI dello Stato, continuano ad ALIMENTARLO. Cosa è lo STATO? Sembra essere un’entità ASTRATTA, di cui non si conosce l’origine, se non la sua esistenza nel PASSATO, che, per una ragione SCONOSCIUTA, si NUTRE delle RISORSE di ciascuno senza una RAGIONE PRECISA. E NON SI SA CHI VERAMENTE LO GOVERNI. Lo STATO ITALIANO MODERNO fonda le sue radici nel 1946 e le consolida nel gennaio del 1948 con la Costituzione. Una Costituzione che parla di uno STATO Passato, che non è quello di ciascuno nel PRESENTE. In particolare nella Costituzione (la Legge più IMPORTANTE, sopra tutte le LEGGI) sono scritti principi che non ESISTONO nella REALTA’. Erano principi che avevano il compito di far sognare una generazione drammaticamente segnata dalla Guerra, che aveva bisogno di speranze per tirarsi sU, per guardare oltre. Quel tempo non c’è più. Non è questo tempo. Le esigenze non sono più quelle. Ogni cosa è ciclica, ogni cosa nella VITA CAMBIA. Perché questo “Status quo” non si MODIFICA, non CAMBIA? Perché nella REALTA’ ogni NOI VUOLE che SIA COME E’. Potrà cambiare? Certo. Solo se lo si DESIDERA. Cambierà immediatamente appena ogni IO deciderà che ne preferisce un altro. Fino ad allora sarà solo un’illusione. Un continuo gioco di prestigio e di specchi nel quale saremo sempre più confusi e senza energia. Quella Energia è tutta assorbita per fare in modo che QUESTO STATO delle cose possa esistere. LO STATO SI NUTRE attraverso ciascuno. Come cambia? Un  modo autentico di cambiare è pensare ad un Nuovo Concetto di organizzazione sociale. Una Nuova Costituzione, un nuovo modello istituzionale e fiscale che sia condiviso solo perché ciascuno SENTE che potrebbe in quel modo stare MEGLIO. Un modo per NUTRIRE lo STATO e farlo esistere per come è adesso sono le ELEZIONI e il PRELIEVO FISCALE diretto (dipendenti) o volontario (aziende ed autonomi). Le Elezioni sono il momento di MASSIMA conferma che lo STATO così COME E’ ADESSO CI PIACE. Infatti nessun partito che si presenti alle Elezioni propone uno STATO NUOVO, tutti propongono il MANTENIMENTO DELLO STATUS QUO, salvo parlare di “RIFORMARE” ciò che DEVE PER FORZA ESISTERE . Ma se io vivo in un appartamento al settimo piano di un palazzo e DESIDERO UN GIARDINO, posso cambiare il colore alle pareti, posso buttare giù i muri, posso cambiare i mobili, ma non avrò MAI UN GIARDINO. Continuerò solo ad ingannare me stesso. Non sarò mai contento fino a quando non deciderò che in quella casa non sono più felice e ne voglio un’altra. Lo STATO si NUTRE e si ALIMENTA per ESISTERE delle energie di CIASCUNO sotto forma di TASSE, che PRETENDE con LA DICHIARAZIONE (per il dipendente la fa l’azienda ma lui dichiara comunque). Una DICHIARAZIONE DI QUANTO VALI! In CAMBIO LO STATO non DICHIARA NULLA. Non prende nessun impegno PRECISO E REALE. Lo Stato scrive delle Leggi che sono solo enunciati: vado in OSPEDALE e metto già in conto che il servizio è scadente, voglio GIUSTIZIA per me, la mia famiglia, i miei figli, la mia azienda e so già in...

altro

Elezioni a Milano

Pubblicato da il 20 Gen 2011 in Le Idee | Commenti disabilitati su Elezioni a Milano

Elezioni a Milano

Caro cittadino, si avvicinano le elezioni amministrative e abbiamo pensato che potrebbe essere importante concentrare i nostri sforzi sulla città più importante chiamata al voto: Milano. La partecipazione del nostro movimento politico e del pensiero di rinnovamento che vi è alla base potrebbe, grazie a questa occasione, cominciare ad avere visibilità in tutta Italia dove già molte persone hanno mostrato interesse e adesione alle nostre proposte. Vorremmo che tutti coloro che lo desiderano e che abbiano a Milano la loro residenza o la loro attività professionale possano avere l’opportunità di far parte di una lista elettorale. Se tu sei fra questi compila il modulo sottostante per metterti in contatto con noi. Da Milano potrà partire un grande progetto innovativo e rivoluzionario che cambierà la realtà della società italiana per come la conosciamo oggi. Nome * Cognome * Età Città * Provincia Agrigento,Sicilia,AGAlessandria,Piemonte,ALAncona,Marche,ANAosta,Valle d'Aosta,AOArezzo,Toscana,ARAscoli Piceno,Marche,APAsti,Piemonte,ATAvellino,Campania,AVBari,Puglia,BABarletta-Andria-Trani,Puglia,BTBelluno,Veneto,BLBenevento,Campania,BNBergamo,Lombardia,BGBiella,Piemonte,BIBologna,Emilia-Romagna,BOBolzano,Trentino-Alto Adige,BZBrescia,Lombardia,BSBrindisi,Puglia,BRCagliari,Sardegna,CACaltanissetta,Sicilia,CLCampobasso,Molise,CBCarbonia-Iglesias,Sardegna,CICaserta,Campania,CECatania,Sicilia,CTCatanzaro,Calabria,CZChieti,Abruzzo,CHComo,Lombardia,COCosenza,Calabria,CSCremona,Lombardia,CRCrotone,Calabria,KRCuneo,Piemonte,CNEnna,Sicilia,ENFermo,Marche,FMFerrara,Emilia-Romagna,FEFirenze,Toscana,FIFoggia,Puglia,FGForlì-Cesena,Emilia-Romagna,FCFrosinone,Lazio,FRGenova,Liguria,GEGorizia,Friuli-Venezia Giulia,GOGrosseto,Toscana,GRImperia,Liguria,IMIsernia,Molise,ISLa Spezia,Liguria,SPL'Aquila,Abruzzo,AQLatina,Lazio,LTLecce,Puglia,LELecco,Lombardia,LCLivorno,Toscana,LILodi,Lombardia,LOLucca,Toscana,LUMacerata,Marche,MCMantova,Lombardia,MNMassa-Carrara,Toscana,MSMatera,Basilicata,MTMessina,Sicilia,MEMilano,Lombardia,MIModena,Emilia-Romagna,MOMonza e della Brianza,Lombardia,MBNapoli,Campania,NANovara,Piemonte,NONuoro,Sardegna,NUOlbia-Tempio,Sardegna,OTOristano,Sardegna,ORPadova,Veneto,PDPalermo,Sicilia,PAParma,Emilia-Romagna,PRPavia,Lombardia,PVPerugia,Umbria,PGPesaro e Urbino,Marche,PUPescara,Abruzzo,PEPiacenza,Emilia-Romagna,PCPisa,Toscana,PIPistoia,Toscana,PTPordenone,Friuli-Venezia Giulia,PNPotenza,Basilicata,PZPrato,Toscana,PORagusa,Sicilia,RGRavenna,Emilia-Romagna,RAReggio Calabria,Calabria,RCReggio Emilia,Emilia-Romagna,RERieti,Lazio,RIRimini,Emilia-Romagna,RNRoma,Lazio,RMRovigo,Veneto,ROSalerno,Campania,SAMedio Campidano,Sardegna,VSSassari,Sardegna,SSSavona,Liguria,SVSiena,Toscana,SISiracusa,Sicilia,SRSondrio,Lombardia,SOTaranto,Puglia,TATeramo,Abruzzo,TETerni,Umbria,TRTorino,Piemonte,TOOgliastra,Sardegna,OGTrapani,Sicilia,TPTrento,Trentino-Alto Adige,TNTreviso,Veneto,TVTrieste,Friuli-Venezia Giulia,TSUdine,Friuli-Venezia Giulia,UDVarese,Lombardia,VAVenezia,Veneto,VEVerbano-Cusio-Ossola,Piemonte,VBVercelli,Piemonte,VCVerona,Veneto,VRVibo Valentia,Calabria,VVVicenza,Veneto,VIViterbo,Lazio,VT Email * Numero di telefono Oggetto del messaggio Il tuo messaggio Dichiaro di aver preso atto dell'informativa sopra riportata autorizzando il rilascio per il consenso al trattamento, come previsto dagli art. 23 e 26 del D.Lgs...

altro

Voi Noi

Pubblicato da il 15 Gen 2011 in Le Idee | Commenti disabilitati su Voi Noi

Voi Noi

L’ITALIA NUOVA: 1) Una nuova Costituzione 2) Un nuovo sistema fiscale (tassa fissa a 3000 euro per tutti) 3) Presidente eletto dal popolo 4) Tassazione d’impresa al 15% con un fisso di 15 mila euro Avete provato a parlarne? E vi piace farlo? Vi accorgete di come cambiano i pensieri e le coscienze quando ne parlate? Come reagiscono i vostri interlocutori? Questo non è un partito convenzionale, non si basa sugli schemi comuni che strutturano qualunque altro movimento politico e non ha un comitato centrale; questo è un partito NASCENTE: le idee le stiamo costruendo insieme. Per questo abbiamo arricchito il nostro simbolo con un concetto che sintetizza un’idea precisa: rappresenta il simbolo di un’assemblea che diventa individuo. TU SEI LA CHIAVE è il nostro slogan. Chiedo a voi tutti di farvi portavoce del progetto L’ITALIA NUOVA con amici, conoscenti, colleghi e chiunque abbiate l’occasione di conoscere e incontrare in questo periodo di grande fermento ideale. Ogni volta che ad una voce se ne aggiunge un’altra, l’Italia Nuova si avvicina. Il pensiero di ciascuno sarà utile per sapere se questa idea va nella direzione di quello che già pensa, che già sa e che desidera. Questo pensiero è il fondamento di tutto e contemporaneamente la forza che riuscirà a realizzarlo. Aspetto i vostri pensieri e quelli di tutti coloro con cui ne parlerete. Un caro saluto e mille grazie....

altro